Posturologia

La Posturologia è la disciplina che si occupa dello studio scientifico e clinico della posizione del corpo nello spazio, il cui fine è il mantenimento dell’equilibrio sia in condizione statica che in dinamica, in rapporto con le funzioni psichiche, biochimiche e somato-sensoriali di un individuo.
A differenza dal metodo classico di valutazione, la Posturologia ha una visione olistica, ossia multidisciplinare nell’interpretazione valutativa del paziente, per cui niente è lasciato al caso, lesioni che non corrispondono in termini di zona col sintomo verranno fuori, quindi potranno essere trattate e risolte.

Il Sistema Posturale è un insieme molto complesso, che vede coinvolte strutture del sistema nervoso centrale e periferico, e soprattutto la Colonna Vertebrale, l’Occhio, il Piede, il Sistema Cutaneo, i Muscoli, le Articolazioni, ma anche l’Apparato Stomatognatico (sistema occlusale dentario e lingua) e l’Orecchio Interno. Il Sistema Nervoso Centrale utilizza le informazioni ricevute da Colonna Vertebrale, Occhio, Piedi e Cute in primo luogo, per avere la consapevolezza della posizione del corpo e poter impostare correttamente quanto necessario all’adattamento ideale nei confronti dell’ambiente esterno.

Se, nel tempo, dovessero sorgere problemi a qualsiasi livello del complesso Sistema Posturale, in un primo momento quale risposta immediata il “Sistema” cercherà di compensare in qualche modo (spalla più alta, rotazioni del bacino, atteggiamenti scoliotici, testa inclinata, asse visivo modificata, vizi di appoggio plantare….) fino a quando potrà, compatibilmente con le singole capacità e potenzialità individuali.

Ad un certo punto però questa capacità di mettere in atto compensi ed aggiustamenti continui trova il suo limite proprio nella “somma” di questi “aggiustamenti” e compariranno i primi segni disfunzionali e patologici del disturbo posturale come fossero un segnale di allarme.

Questo sistema “inquinato” dai vari compensi ed adattamenti, quindi, favorirà l’insorgenza di tutte le problematiche di natura posturale più comuni e sempre di più ampia diffusione (Cefalee, Cervicalgie, Nevralgie, difetti di masticazione e di Occlusione dentaria, clic articolari, Dorsalgie, Lombalgie, Lombosciatalgie, dolori alle spalle e braccia, alle anche, alle ginocchia, alle caviglie, alla pianta dei piedi, predisposizione ai traumi articolari e muscolari) ma anche disturbi meno noti e frequenti (vertigini, acufeni, disfonie, disfagie, difficoltà alle attività quotidiane, alla concentrazione nella lettura, nell’apprendimento scolastico, nell’attenzione, reattività comportamentali, difficoltà visive, maldestrezza, etc.,…): tutte patologie che complicano e condizionano notevolmente la vita quotidiana e, di conseguenza, la nostra condizione psicologica e stato emotivo (Psiche).

E’ fondamentale a questo punto, pur con tutte le difficoltà facilmente immaginabili, agire ai vari livelli compromessi ed in un tempo adeguato in modo coordinato con altri professionisti per correggere e cercare di riprogrammare il “Sistema”.